Iscrizione Mail list

Закажите монтаж системы отопления по лучшей цене в Киеве
captcha 

Articoli

Scritto da Giovanni Defrancisci.

ultima revisione 30.03.2017
 
Se siete in possesso di informazione, di qualunque tipo, utili allo sviluppo di questa scheda siete pregati di contattarmi al seguente indirizzo, grazie: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
If you have information of any kind, useful for the development of this card please contact me at the following address, thanks:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Studiata dal Pirotecnico di Bologna è la cartuccia "Italiana" per eccellenza. E' stata utilizzata per quasi un secolo dalle nostre forze armate. Si tratta di un calibro poco studiato e collezionato, in particolare all'estero, presenta invece diversi modelli e molte interessanti varianti. Il primo modello M/91 presentava un fondello piatto con scritte incise, la palla in maillechort con anima in piombo,ha forma cilindrico-ogivale leggermente schiacciata in punta completamente liscia (esisteva un leggero scalino all'interno della bocca del bossolo per impedirne l'affondamento). Possedeva una carica di polvere costituita da 1,95 gr. di balistite in grani del n. 1 (grani cubici di circa mm 1 di lato; 750 = 850 grani per grammo) fermata da un batuffolo di cotone idrofilo.

La M/91 venne successivamente modificata nel 1895, creando un incavo sul fondello atto a migliore la chiusura della sede dell’innesco (le iscrizioni diventarono in rilievo), prendendo così la denominazione di M/95 o M91/95. Altre modifiche furono apportate nel 1896 con l'adozione della solenite come carica di lancio (2,27 gr.) divenendo il caricamento standard,a partire dal 1896 fino a circa il 1914 il nuovo caricamento veniva segnalato da una x a ore 9 sul fondello per identificare il nuovo tipo di polvere, dal 1913-15 essendo ormai tutte le cartucce caricate con questo tipo di polvere tale riconoscimento non venne più utilizzato.

L’ultima importane modifica fu fatta nel 1907 con l’adozione di una nuova palla del tutto identica all’originale ma con un solco in prossimità della base per facilitare il nuovo sistema di crimpaggio,compare così sui bossoli una triplice punzonatura atta a fermare meglio la palla. Infine intorno al 1939-1940 scompare la tripunzonatura, per facilitare la produzione si passò a una palla in acciaio al tombacco con anima in piombo con leggera segmentazione per favorire il crimpaggio alla bocca del bossolo.

 

Denominazione ufficiale

Cartuccia a pallottola ordinaria Mod. 91 e Mod. 91/95 cal.6,5  

 

Questo tipo di munizione possiede diverse denominazioni, tra queste le più comuni sono:

6,5 x 52 M.1891 - 6,5 mm Italian - 6.5 Mannlicher Carcano - 6.5 Parravicino Carcano - 6,5 mm Terni - 6,5 mm Stano - 6,5 x 52,3 Carcano - 6.5x52.5 - 6,5 x 52,3 Mannlicher Carcano 1891 - DWM 473 - 6,5 x 52 Italian Carcano - 6,5 x 52 Mannlicher Carcano - SAA 1355
 
Nella tabella seguente vengono presentate le varie caratteristiche divise per capitoli, così da facilitare sia il riconoscimento che lo studio di questa cartuccia.

 

Modelli e tipi di cartuccia

Cartridge Models and types

 
 
     
     
Significato dei marchi & Stabilimenti di produzione Headstamps & Manufacturing plants  
 
     
     

Lotti di produzione  

Lots

B - C - LBC - SMI - SB - B - H  - SFM 
 
     
     

Tipi di palla

Bullets

 
 
     
     

Tipo di bossolo

Case

 
 
     
     

Tipi di innesco utilizzati

Primer

  
 
     
     

Tipi di carica di lancio

Powders

 
     
     

Disegni tecnici

Technical drawings

  
 
     
     

Scatole e imballagi

Boxes

      
 
     
     

Caricatori

Clips

      
 
     
     
Bibbliografia