Iscrizione Mail list

Закажите монтаж системы отопления по лучшей цене в Киеве
captcha 

Scritto da Giovanni Defrancisci.

 

Sempre grazie all'eccezionale disponibilità dell'amico Bill Woodin e alla collaborazione del suo Woodin Laboratory anche in questa occasione siamo in grado di mostrarvi una cartucia di eccezionale rarità...

 

Anche la cartuccia in oggetto oggi, come per la già descritta Breda, proviene dal suo laboratorio, e come nel caso della 8 Brada gli fu data da un amico che visitò la fabbrica SMI di Campo Tizzoro nel 1944 recuperando alcuni esemplari di estremo interesse tra cui questo 8 Breda. Sempre di estremo interesse interessante è il fatto che questa persona gli raccontò di avere saputo dal "tecnico responsabile" del’ epoca che la cartuccia era sperimentale e mai prodotte in serie.

Come appare evidente si tratta di una cartuccia che presenta notevolissime similitudini con la 8 breda da ma precedentemente descritta
     
 
     

Ad un primo esame appare infatti che la colorazione dell'innesco non solo ricopre , come nel'esemplare della 8 Breda, l'innesco completamente dipinto di rosso ma pare essere stata utilizzata la stessa tonalità di rosso. lo stesso dicasi per la colorazione gialla della punta della palla

A quanto riferitomi da Bill entrambe le palle, ad un esame ai raggi X risultano di tipo ordinario
In entrambi gli esemplari poi appare chiaro che la vernicitora è stata appositamente effettuata a montaggio eseguito

    

Resterebbe ancora da spiegare il motivo per cui la palla fosse stata dipinta di giallo come per la 8 Breda ed il perché sia stato spiegato che fossero prototipi.

Come nel caso della 8 Breda per quanto riguarda il secondo problema potrebbe darsi che si sia trattato di un errata traduzione o interpretazione di quanto riferito o più semplicemente che la cosa si riferisse ad altri esemplari presenti al momento.
Per la colorazione della palla invece, se in futuro fosse confermato che si tratta di un ordinaria, potrebbe semplicemente trattarsi di una colorazione inizialmente prevista per distinguere le cartucce da prova forzata, ma che la stessa venne poi eliminata o per la poca leggibilità o per non creare confusione con le perforanti che ebbero la colorazione cambiata da verde in bianca. 

E' interessante notare anche che per la realizazione sia stato unsa un bossolo inizialmente destinato ad una cartucia tracciante.

Naturalmente resta sottinteso che restiamo aperti ad ogni altra ipotesi corroborata da nuove prove.